CARDILLO, MALFITANO, MAZZA, CAVICCHIOLI / ALLO SPECCHIO. SILLABARIO DELLE ATTRICI E DEGLI ATTORI. I PARTE

Dedicato all’arte dello stare in scena, al teatro e alle due figure senza le quali il teatro è
impossibile: gli attori e il pubblico. In un momento storico nel quale il lavoro degli attori
e delle attrici è fortemente in bilico, queste due serate sono una dedica d’amore all’alfabeto
dell’interprete, alle parole chiave che formano il pensiero, il corpo e il sentire di chi sta in scena. Due attori e due attrici – Maurizio Cardillo, Marco Cavicchioli, Angela Malfitano,
Francesca Mazza - compongono un mosaico nel quale si alternano l’interpretazione di testi
(romanzi, racconti o pièce teatrali) centrati sul lavoro dell’attore e interviste “allo specchio”, secondo la formula - inedita in Italia - “attori intervistano attori”. Ognuno dei quattro artisti è attore, intervistatore e intervistato. Il pubblico,parte essenziale nelle dinamiche creative e umane dell’attore, è esso stesso protagonista.

TUTTI GLI SPETTACOLI E LE CONFERENZE SONO A INGRESSO GRATUITO, A ECCEZIONE DI QUELLI INDICATI. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA:
E-mail: oratoriosanfilipponeri@mismaonda.eu
Mob – SMS – whatsapp: 3497619232
da lunedì a venerdì: 10.30-13 e 15-17.30


MARIA GAETANA AGNESI E EMMA CASTELNUOVO / LA RIVOLUZIONE NELL’INSEGNAMENTO

Non stupisce che Papa Lambertini decise di offrire a Maria Gaetana Agnesi la cattedra
nell’Università di Bologna che era stata del padre della studiosa, visto il successo del suo “Le Istituzioni analitiche ad uso della gioventù italiana” (1748), i due volumi che costituirono forse il primo trattato a tutto tondo di algebra e analisi. Altrettanto rivoluzionario fu il modo di insegnare la matematica di Emma Castelnuovo: per lei gli oggetti matematici non sono più enti astratti, ma oggetti concreti in movimento.

TUTTI GLI SPETTACOLI E LE CONFERENZE SONO A INGRESSO GRATUITO,A ECCEZIONE DI QUELLI INDICATI. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA:
E-mail: oratoriosanfilipponeri@mismaonda.eu
Mob – SMS – whatsapp: 3497619232
da lunedì a venerdì: 10.30-13 e 15-17.30


TEMPO, PSICHE, NUMERI / MANTRA

A 50 anni dalla prima esecuzione a Donaueschingen del 18 ottobre del 1970, i due pianisti del FontanaMIXensemble, Stefano Malferrari e Franco Venturini, affrontano uno dei brani più significativi della seconda metà del Novecento, “Mantra”, la prima composizione “determinata” di Karlheinz
Stockhausen. L’elaborazione elettronica del suono dei pianoforti è affidata alla Classe di Musica elettronica del Conservatorio di Bologna.

TUTTI GLI SPETTACOLI E LE CONFERENZE SONO A INGRESSO GRATUITO,A ECCEZIONE DI QUELLI INDICATI.
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA:
E-mail: oratoriosanfilipponeri@mismaonda.eu
Mob – SMS – whatsapp: 3497619232
da lunedì a venerdì: 10.30-13 e 15-17.30


BOLOGNA MODERN / ENSEMBLE L’ARSENALE

Per il terzo appuntamento di “Bologna Modern 2020”, Musica Insieme presenta le geometrie variabili dell’ensemble L’Arsenale, diretto dal compositore Filippo Perocco, che celebra quindici anni dalla fondazione con brani appositamente composti per il suo organico. L’ensemble trevigiano si caratterizza per una ricerca originale, arricchita da una precisa scelta di strumenti. Il risultato è un repertorio che esalta l’ampio spettro sonoro del gruppo, sviluppando ulteriormente l’excursus di Musica
Insieme sulle possibili declinazioni “in trio”.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA:
www.musicainsiemebologna.it – 051271932 – info@musicainsiemebologna.it


BOLOGNA MODERN / TRIO DI PARMA II

È un programma in viaggio fra gli Stati Uniti e la Russia quello del secondo incontro di “Bologna Modern” con il Trio italiano più celebrato del panorama internazionale, insignito di riconoscimenti prestigiosi come il Premio “Vittorio Gui” di Firenze, il Concorso della ARD di Monaco e il “Premio Abbiati” dell’Associazione Nazionale della Critica Musicale. Gli Stati Uniti di Aaron Copland guardano in realtà alla Russia nel suo “Vitebsk Trio”, ispirato a un canto popolare dell’omonima città della Bielorussia. A
fargli eco sono i due Trii di Dmitrij Šostakovič, che il Trio di Parma ha inciso per Stradivarius nel 2008 aggiudicandosi il premio come Miglior disco dell’anno della rivista “Classic Voice”.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA:
www.musicainsiemebologna.it – 051271932 – info@musicainsiemebologna.it


IL NUOVO L’ANTICO / IN ALLORO MUTÒ IL SUO PIANTO

L’opera “In alloro mutò il suo pianto. Il canto di Dafne sulle spoglie di Orfeo” racconta la faccia nascosta del mito di Orfeo scegliendo il punto di vista di una testimone sgomenta: Dafne, amica di Euridice, anche lei presa
dalla “follia d’amore” per il cantore degli dei. Le musiche create da Luigi Sammarchi, su testi e drammaturgia di Guido Barbieri, sono concepite come un unico flusso di suono dove le armonie antiche si immergono nel
“continuum” musicale contemporaneo. Sono impegnati in questa prima esecuzione assoluta commissionata da Bologna Festival, le voci di Roberto Abbondanza, Pamela Lucciarini e Barbara Zanichelli insieme ad Ex Novo Ensemble; regia del suono e live electronics sono affidati alla mirabile esperienza di Alvise Vidolin.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA:
WWW.bolognafestival.it – 0516493397


PAOLA CATELLA E GIOBBE COVATTA / CELESTINO

La diversità è un valore, indipendentemente dal colore della tua pelle. Compreso il blu. Celestino è un bambino tutto blu, dalla testa ai piedi: lo è
sempre stato e non è certo colpa sua se è nato così. Eppure non c’è strada, paese o città in cui lui non si senta ripetere: come mai sei blu? Paola
Catella ha scritto questa storia emblematica, il marito Giobbe Covatta l’ha illustrata. È nato così un libro destinato ai bambini dai 7 anni in su
(ma non solo), la cui morale in fondo è che “da che mondo è mondo tutti siamo diversi e tutti siamo unici”. Celestino sembra sperduto ma una direzione c’è: lungo il cammino le paure svaniranno e in quel momento si incontrerà la felicità. Paola e Giobbe si divertono e fanno divertire in questa favola singolare e molto tenera attraverso l’ironia e le coloratissime illustrazioni. Per dirci che chiunque di noi è Celestino. Per il nostro colore, la nostra forma, i nostri abiti, per come corriamo o ridiamo.

TUTTI GLI SPETTACOLI E LE CONFERENZE SONO A INGRESSO GRATUITO,A ECCEZIONE DI QUELLI INDICATI.
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA:
E-mail: oratoriosanfilipponeri@mismaonda.eu
Mob – SMS – whatsapp: 3497619232
da lunedì a venerdì: 10.30-13 e 15-17.30


SONJA KOVALEVSKAJA / UNA STORIA AVVENTUROSA DI EQUAZIONI, TEOREMI E VOCAZIONI LETTERARIE

Sonja Kovalevaskaja nel 1886 vinse il prestigioso Premio Bordin dell’Accademia francese delle scien­ze, la più alta onorificenza scientifica che una donna avesse mai raggiunto fino ad allora e fu anche la prima donna a ottenere un dotto­rato all’Università di Gottinga, con una tesi
sul teorema ora conosciuto come “di Cauchy-Kovalevskaja”. Ospite fissa nel salotto di Marian Evans, conosciuta con lo pseudonimo di George Eliot, la ispirerà al punto da farle scrivere: “la donna è un problema non meno complicato della rotazione di un solido irregolare”.

TUTTI GLI SPETTACOLI E LE CONFERENZE SONO A INGRESSO GRATUITO,A ECCEZIONE DI QUELLI INDICATI.
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA:
E-mail: oratoriosanfilipponeri@mismaonda.eu
Mob – SMS – whatsapp: 3497619232
da lunedì a venerdì: 10.30-13 e 15-17.30


IL NUOVO L’ANTICO / ESILI LAME DI LUCE

Il giovane violoncellista romano Michele Marco Rossi si distingue per “la duttilità e varietà dell’interpretazione, che varca spesso i limiti
dell’esecuzione per farsi vero e proprio teatro”. Allo studio del repertorio antico ha affiancato un’originale ricerca nella musica contemporanea,
collaborando con diversi compositori, da Lachenmann a Penderecki, Huber, Poppe, Chin. Sotto il suo archetto risuonano, accanto a echi del passato rinascimentale e barocco in arrangiamenti creativi, maestri riconosciuti del
“classico moderno” novecentesco come Donatoni, di cui esegue “Lame I”. In programma anche brani nuovi e nuovissimi, disegnati per il suo talento da
autori delle post-avanguardie di oggi. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: WWW.bolognafestival.it – 0516493397


OTTAVIA PICCOLO / DONNA NON RIEDUCABILE ANNA POLITKOVSKAJA

Scritto da Stefano Massini, è l’adattamento in forma teatrale di brani autobiografici e articoli di Anna Politkovskaja, la giornalista trovata morta il 7 ottobre 2006 nell’androne della sua casa moscovita, uccisa da quattro colpi di arma da fuoco. Un piccolo grande “caso” della scena teatrale italiana, programmato nei teatri italiani stagione dopo stagione, in cui Ottavia Piccolo dà voce allo smarrimento, all’orrore, alla dignità e anche all’ironia di questa donna indifesa e tenace, con il rigore e l’intensa partecipazione di un’attrice che in quei valori di libertà si identifica fino in fondo. Per il pubblico un’emozione violenta. Lo sguardo di Anna fu aperto, senza prevenzioni né compromessi, su quanto avveniva nel suo Paese, a partire dalla lontana Cecenia per arrivare ai momenti più recenti della storia russa (dalla strage del teatro Dubrovka di Mosca a quella nella scuola di Beslan).

TUTTI GLI SPETTACOLI E LE CONFERENZE SONO A INGRESSO GRATUITO,
A ECCEZIONE DI QUELLI INDICATI.
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA:
E-mail: oratoriosanfilipponeri@mismaonda.eu
Mob – SMS – whatsapp: 3497619232
da lunedì a venerdì: 10.30-13 e 15-17.30