GIOELE DIX / LEGGENDO BUZZATI

Il ciclo di incontri dedicato agli interpreti più importanti della scena italiana e al loro rapporto con la letteratura ci porta ad un incontro straordinario: Gioele Dix che legge in audiolibro l’opera di Dino Buzzati. Una serata costruita su una chiacchierata e su una testimonianza del lavoro svolto. Gioele Dix ha reso omaggio a ‘Il deserto dei tartari’ e ‘Il segreto del Bosco Vecchio’, in vari modi: in presenza (ad esempio al teatro Franco Parenti a Milano) e soprattutto on line (sui suoi social). Una serie di pillole letterarie che hanno incantato il pubblico. L’attore ha letto anche alcuni dei romanzi più famosi dello scrittore, da ‘Un amore’ a, appunto, ‘Il deserto dei tartari’. ‘Il Colombre’ e i ‘Sessanta Racconti’, restituendoci il mondo di Buzzati uno dei più importanti scrittori fantastici del ‘900: magico misterioso e attraente.


STEFANO FRESI / SHANTARAM

Nel 1978 il giovane studente di filosofia e attivista politico Greg Roberts viene condannato a 19 anni di prigione per una serie di rapine a mano armata. E’ diventato eroinomane dopo la separazione dalla moglie e la morte della loro bambina. Ma gli anni che seguono vedranno Greg scappare da una prigione di massima sicurezza, vagare per anni per l’Australia come ricercato, vivere in nove Paesi differenti, fare rapine, allestire a Bombay un ospedale per indigenti, recitare nei film di Bollywood, stringere relazioni con la mafia indiana. E raccontare la sua vita in un romanzo epico, ‘Shantaram’ appunto, di cui Stefano Fresi attore tra i più amati del cinema contemporaneo (“Smetto quando voglio”) ci da un saggio raccontandoci la sua esperienza nel mondo degli audiolibri.


DRUSILLA FOER / MI RACCONTO

Si può pensare che alla mia età si decida di scrivere un libro per fare il punto della situazione. Non ho mai sentito l’esigenza di mettere in successione gli eventi della mia esistenza come quando ci si mette in fila al cinema per vedere il film della propria vita.
Piuttosto ho colto questa preziosa occasione per riprendere contatto con i luoghi della memoria, ma soprattutto per rendere onore all’indelebile, agli incontri che mi hanno segnato, allo stupore dei sentimenti. Una vita randagia, emozionata e combattuta. Una vita non male.
Una caccia al tesoro a cui ho giocato con tutto il coraggio che mi è stato possibile. Ve la resituisco senza vergogna, con l’intenzione di divertire o di ispirare, contando su un tenero perdono per la tonalità presuntuosa di questa speranza, tipica di una anziana signora forse un po’ vanesia.


SIMONETTA AGNELLO HORNBY / PUNTO PIENO

Andrea Sorci, in preda a un accesso di rabbia, uccide la sua domestica “continentale”. L’omicidio viene insabbiato dal figlio illegittimo del barone Sorci, il potentissimo Peppe Vallo, altrimenti noto come l’Americano. Rico, nipote di Andrea, che sa ma non parla, è un uomo tormentato, deluso dalla Sicilia ferita del dopoguerra: vive accanto a Rita, che ama e non può fare a meno di tradire.
Eppure qualcosa si muove: tre donne, le zie che i Sorci hanno ribattezzato “le Tre Sagge”, fondano nella sagrestia della chiesa dei Santi Scalzi il Circolo del Punto Pieno, dove ricamano corredini, tovaglie, lenzuola, asciugamani. Dalla nobildonna alla monaca di casa, alla prostituta, in quel “tripudio febbrile delle dita” si dà forma a una sorta di adunanza femminile dove si discute, si commenta, ci si consola, si offre una speranza di cambiamento e si rammendano traumi sociali e famigliari. È una nuova sorellanza basata su una “separazione dal mondo fuori che solo le donne, quando sono insieme, riescono a creare e a difendere”.
Intanto, però, l’uomo vola sulla Luna, gli studenti si ribellano. E la tensione positiva dei movimenti a cavallo fra gli anni sessanta e settanta si scontra con le contraddizioni dell’isola.
Dal 1955 al 23 maggio del 1992, quando furono uccisi Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli agenti della scorta, Simonetta Agnello Hornby tiene stretto il filo della saga famigliare cominciata con Caffè amaro e proseguita con Piano nobile per consegnarci un appassionante ricamo di omicidi, ossessioni, amori, violenze della Sicilia uscita martoriata dal Secondo conflitto mondiale e pronta a patire, protagonista e vittima, altre guerre.

“Siamo fragili, e siamo imperfetti. Imperfetto è il mondo, non l’amore. E noi ricamiamo, continuiamo a ricamare, con amore.”

Evento a cura di Feltrinelli Ravegnana - Prenotazioni su eventbrite a questo link


TLON / SCUOLA DI FILOSOFIE: HANNAH ARENDT

Lo scopo di ‘Scuola di filosofie’ è pratico: riportare le riflessioni dei grandi pensatori scelti da Maura Gancitano e Andrea Colamedici nelle strade della città e nelle dinamiche quotidiane perché è proprio nelle piazze e fra le persone che è nata e prospera la filosofia. In questo incontro dedicato a Hannah Arendt, che più che filosofa preferiva farsi chiamare tecnica politica, si entra in un corpo a corpo con i concetti di azione e relazione, con la natura del potere e con la tendenza umana di andarsi a cacciare nei totalitarismi. Ecco perché è necessario riscoprire il senso di comunità e l’importanza di una vita attiva attraverso una spregiudicata analisi della società di massa e una denuncia dell’uomo contemporaneo condannato a una sostanziale solitudine.


TLON / SCUOLA DI FILOSOFIE: JORGE LUIS BORGES

Lo scopo di ‘Scuola di filosofie’ è pratico: riportare le riflessioni dei grandi pensatori scelti da Maura Gancitano e Andrea Colamedici nella strade aperte delle città e nelle dinamiche quotidiane della vita perché è proprio nelle piazze e tra le persone che è nata e prosperata la filosofia. In questo incontro dedicato a Jorge Luis Borges viene affrontata la filosofia del grande poeta e scrittore argentino che ha saputo raccontare la magia e il rigore dell’esistenza umana insegnando l’arte di abitare il dubbio e la meraviglia. Uno sguardo che tenta di discernere tra il vero e il falso in un mondo alla rovescia, un mondo falso che viene creduto vero. Tlon è una scuola permanente di filosofia e immaginazione fondata da Maura Gancitano e Andrea Colamedici che è anche casa editrice, agenzia di eventi e catena di librerie.


LEONARDO CAFFO / ESSERE GIOVANI IL SIGNIFICATO DELL’ADOLESCENZA

Cos’è la gioventù? Cosa significa essere giovani? E diventare adulti, e invecchiare?
La giovinezza è un necessario momento di passaggio verso l’età adulta o è piuttosto uno stato, un modo d’essere e di vivere che può attraversare vari momenti delle nostre esistenze? In un’epoca in cui una falsa gioventù sembra prolungarsi indefinitamente e la maturità viene il più possibile procrastinata, Leonardo Caffo affronta queste domande con una profondità ben diversa. E lo fa in un originalissimo saggio narrativo nel quale l’aneddoto autobiografico e la ricerca storico-filosofica convivono felicemente. Jacques Brel diceva che serve talento “per essere vecchi senza essere adulti”. Perché fare filosofia, dice Caffo, “è pensare al senso della vita ma anche a un certo punto iniziare a vivere davvero”.


TLON / SCUOLA DI FILOSOFIE: FRANCO BATTIATO

Lo scopo di ‘Scuola di filosofie’ è pratico: riportare le riflessioni dei grandi pensatori scelti da Maura Gancitano e Andrea Colamedici nelle strade aperte e nelle dinamiche quotidiane. In questo incontro dedicato a Franco Battiato viene ripercorso il suo pensiero attraverso i testi, scritti permeati da una volontà filosofica netta e precisa e da una vera e propria funzione sociale: aumentare il livello di coscienza della popolazione italiana, continuamente immersa in una cultura vecchia, fatta di comportamenti ipocriti e finzioni, in cui ogni azione priva di etica viene giustificata dall’idea che così fan tutti. Battiato – sostengono i Tlon- è stato molto di più di un maestro, è stato un grande allievo.


DANIELA DELLE FOGLIE, MICHELA GIRAUD, LAURA GRIMALDI E SERENA TATEO / TEA. STORIA (QUASI) VERA DELLA PRIMA MESSIA

Un originale romanzo collettivo che racchiude una satira sferzante divertentissima e quanto mai attuale, sulla condizione femminile oggi. È la
storia di Tea, che crede di essere figlia di Dio e che decide di trasformarsi in messia per lanciare un messaggio sulla Terra che suona più o meno così:
donne, tornate al vostro posto, pensate ai vostri figli, alla cura della casa e del corpo e, soprattutto, non dimenticate di sorridere. Tea, per diffondere
il suo credo, sceglie quattro giovani dagli interessi disparati. Si tratta di una influencer body positive, di una spietata spin doctor, di un’aspirante
moglie perfetta e di una cuoca che è anche la sua sorellastra. C’è bisogno di dire che le cose non andranno proprio come lei si aspetta?

TUTTI GLI SPETTACOLI E LE CONFERENZE SONO A INGRESSO GRATUITO,A ECCEZIONE DI QUELLI INDICATI. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: E-mail: oratoriosanfilipponeri@mismaonda.eu Mob – SMS – whatsapp: 3497619232 da lunedì a venerdì: 10.30-13 e 15-17.30


ENRICO BERTOLINO / LE 50 GIORNATE DI MILANO

Ha cominciato a fare danni nella Settimana della Moda, ha cancellato il Salone del Mobile e il rito dell’apericena: il Coronavirus sembra uscito dall’incubo di un milanese. Ma adesso che dobbiamo imparare a conviverci, è il caso di rifletterci un po’ su. E proprio da Milano può partire qualche considerazione per rivedere il nostro stile di vita. Enrico Bertolino, comico,
conduttore e scrittore, in questo libro racconta (con Enrico Nocera) strategie, tormenti e risvolti filosofici della quarantena in una esilarante
“cronaca virale”: dal decalogo del buon accaparratore da supermercato, all’istituzione dello smart-apericena; dai dilemmi del look anti contagio alle crisi da astinenza dall’Inter. “Non dimentichiamo - dice Bertolino - le Cinque Giornate: Milano, come in genere l’Italia, ha sempre preso qualcosa di buono dai suoi invasori (dagli austriaci, per esempio, la cotoletta). Dal
virus potremmo guadagnare un nuovo senso di comunità e di responsabilità verso gli altri. A parte i soliti “pirla”, che tali resteranno per
sempre.”

TUTTI GLI SPETTACOLI E LE CONFERENZE SONO A INGRESSO GRATUITO, A ECCEZIONE DI QUELLI INDICATI. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: E-mail: oratoriosanfilipponeri@mismaonda.eu Mob – SMS – whatsapp: 3497619232 da lunedì a venerdì: 10.30-13 e 15-17.30